Libri di oggi libri di domani

Che differenze ci sono fra libri di carta e libri digitali? Davvero i secondi sostitueranno i primi?

E’ abbastanza assurdo comparare un libro di carta ad un libro elettronico: il primo non potrà mai essere sostiutito completamente dal secondo ed esistono ragioni fisiche e anche di percezione fisiologica a supporto di questa tesi compreso ciò che abbiamo sempre sospettato tutti quanti ovvero che i libri vecchi sanno di buono. Ma se è vero che i libri di carta ci soddisfano in maniera diversa dai libri digitali è pur vero che gli eBook sono facili da reperire-acquistare ed allo stesso modo da trasportare pur in grande quantità. Da un punto di vista dell’occupazione di quote di mercato dunque la comparazione non è poi così assurda ed è interessante seguire da questo punto di vista i voraci appetiti di Amazon e i conseguenti equilibri fra gli attori di mercato (di carta e digitali).

Se reperire e leggere un libro elettronico diventa sempre più facie e per certi versi più conveniente (lo sarà anche per gli studenti delle scuole italiane di domani?) e questo anche grazie alla realizzazione di eReader sempre più leggeri la domanda conseguente può essere quanto può essere facile scrivere un eBook. Gli strumenti a disposizione sono sempre più variegati ma Calibre rimane un must per gestire ed anche scrivere o convertire qualsivoglia libro elettronico di qualsiasi formato. Gli sviluppi di un settore così dinamico sono tutti da seguire con molta attenzione ma sono oramai anni che le prospettive dello standard epub3 (purtroppo ancora non pienamente recepito dagli eReader) affascinano gli addetti ai lavori e gli utenti finali questioni di accessibilità compresa.

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie media educationTag 1 commento

Un pensiero su “Libri di oggi libri di domani”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...