Io posto tu leggi esso possiede

Le regole dei social viste da vicino sono così estreme e paradossali che fanno quasi sorridere…

Tutto-mio tutto-mio è la versione onomatopeica del verso della Civetta, simpatico uccello (rapace) notturno che ci fa compagnia in tante località estive. E dunque sembra di vederli i patron dei social nelle vesti di potenti e moderne cibernetiche civette che ripetono tutto-mio tutto-mio… Questa l’impressione che emerge leggendo le regole di Facebook riletti, analizzate e sintetizzate molto efficacemente da Lsdi (Libertà di Stampa, Diritto all’Informazione) che ci ricorda alcune chicche come “l’utente accetta di utilizzare Facebook a suo rischio e pericolo” oppure “Qualsiasi reclamo, diritto sostanziale o disputa (“reclamo”) tra l’utente e Facebook, derivante dalla presente Dichiarazione o dall’utilizzo di Facebook o ad essa relativo, verrà risolto esclusivamente nel tribunale del distretto federale statunitense della California settentrionale o in un tribunale situato a San Mateo County”.

Al confronto le regole di Twitter, sempre puntualmente evidenziate e commentate da Lsdi, sono decisamente più lineari anche se non mancano passaggi che colpiscano come “potremmo modificare o adattare i tuoi Contenuti nel momento in cui vengono distribuiti, diffusi, pubblicati o trasmessi da noi e i nostri partner e/o effettuare modifiche ai tuoi Contenuti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...