Sempre più digitale accessibile

L’accessibilità invade l’ambito della realtà aumentata, i touchscreen mobile ed i videogame.

Soluzioni, linee guida, app, video-tutorial… il mondo dell’accessibilità digitale si arricchisce di new entry continuamente e spesso e volentieri in settori particolarmente apprezzati dall’utenza finale: vediamone alcune.

Microsoft sta sviluppando – curiosamente ad oggi solo per iOS – Seeing AI ovvero l’intelligenza artificiale – alias !AI – al servizio dei dispositivi mobili per i visual impaired (ovvero per chi ha seri problemi di vista) riuscendo a fornire delle descrizioni audio per persone ed  amici, scritte e documenti, immagini acquisite da altre applicazioni, scene anche in movimento; il tutto grazie ad innovative pratiche di !pattern recognition.

Utilissimi i video-tutorial per non vedenti ospitati sulla pagina facebook Android ad occhi chiusi su come utilizzare il più diffuso sistema operativo per dispositivi mobili.

Infine ciò che qualsiasi designer di interfacce digitali dovrebbe studiare approfonditamente per imparare a realizzare interfacce di qualità al massimo delle loro potenzialità non solo in termini di accessibilità ma anche di usabilità ovvero le linee guida per videogame accessibili ricche di indicazioni ed esempi pratici suddivise su vari aspetti e problematiche inerenti disabilità motoria, funzionalità speech e difficoltà di udito, difficoltà cognitive, cecità e daltonismo, aspetti generali di design.

 

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie accessibilitàTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...