Font leggibili e font Open Source

EasyReading è un’idea tutta italiana di font ad alta leggibilità mentre IBM decide di rilasciare il suo nuovo font Plex in modalità Open Source.

!Accessibilità ed !Open Source sono due parole chiave magiche, con potere di creazione – !Abracadabra – di nuove opportunità di accesso e condivisione alla fruizione di importanti elementi della filiera comunicativa digitale. In questo caso si parla di un font Made In Italy denominato EasyReading sviluppato appositamente per avere un’alta leggibilità a beneficio anche delle persone dislessiche e di un altro font – IBM Plex – sviluppato dalla nota multinazionale per la propria grafica coordinata (soprattutto digitale ma non solo: Web aziendali,software, comunicati stampa,presentazioni e cartellini dei visitatori).

IBM decide di rilasciare il suo font con supporto multilingue gratuitamente a chiunque e per qualunque scopo sostituendo per i suoi usi interni la precedente scelta Helvetica; il font si presenta in maniera moderna e minimale e con una buona leggibilità anche in caso di testi piccoli.

La forma segue la funzione (antico adagio Bauhaus)

Per quanto riguarda l’accessibilità decisamente innovativa e suffragata da riprove e recensioni scientifiche di terze parti l’offerta a pagamento del font ibrido EasyReading che rivendica il suo alto grado di leggibilità adatto anche a chi è dislessico (10% dellla popolazione mondiale). Realizzato per l’alfabeto latino e quindi ad uso e consumo del mondo occidentale ed anglosassone ed anche di altri paesi ad Est come la Turchia o come in buona parte dell’Africa del Sud è composto da 811 !glifi (lettere, numeri, accenti, simboli, punteggiatura) è stato adottato da molti enti ed aziende ed attirato l’attenzione di Microsoft.

L’uso o non uso delle grazie ed una scientifico bilanciamento degli spazi tra lettere e parole nonché delle interlinee  determina, secondo gli autori, la buona !leggibilità del testo.

A riprova dell’efficacia del font progettato per utenza dislessica un test compiuto su un campione di 533 studenti di classe 4° della scuola primaria utilizzando come font di confronto il Times New Roman: Easyreading è risultato in questo caso facilitare la lettura ai dislessici in modo significativo. Da segnalare anche l’adozione di questo font nel restyling della nota rivista a fumetti Topolino così come riportato nell’immagine che segue in cui un editoriale con il nuovo font che, in effetti, risulta molto più arioso rispetto al precedente e quindi più facilmente leggibile…

editoriale-topolino-con-font-leggibile

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...