bookstagram e il design delle copertine “alla Instagram”

Libri su carta e comunicazione digitale continuano ad essere mondi paralleli ed indipendenti: copertine a parte (forse).

Il Guardian continua ad essere una fonte autorevole in tema di analisi sui rapporti fra vecchi e nuovi media ed in tema di libri, ebook e copertine ad agosto ha pubblicato una riflessione che merita sicuramente attenzione.

Il fenomeno #bookstagram ovvero l’esigenza che hanno tutti coloro che ruotano intorno al mondo dell’editoria di socializzare il proprio oggetto del desiderio va ben oltre l’incauta previsione che gli ebook avrebbero potuto sostituire i libri su carta ma anche presunte attività di marketing di basso profilo: è il desiderio spontaneo che gli stessi autori-editori-lettori hanno di veicolare ciò che producono-usufruiscono-distribuiscono semplicemente riconducendo il tutto ad immagine nel social più amato di tutto il mondo (se non il più utilizzato).

Questo però porta inevitabilmente ad una forte pressione verso i designer di copertine di libri (anche su carta) a ri-pensare colori, rapporti di dimensioni, leggibilità, eccetera affinché si crei un messaggio efficace e convincente su Instagram e questo non vuol dire che la carta sia succube del digitale o viceversa ma che possono esistere cortocircuiti virtuosi fra i due mondi comunicativi. (Evviva!)

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie designTag , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...