human not human… sitemap & link docet!

Che sia un utente umano o un bot una corretta sitemap ed una corretta ottimizzazione dei link sono la corretta chiave di interpretazione per un’efficace UX.

User eXperience ovvero l’esperienza utente è ciò che conta e se l’utente da soddisfare è un umano in carne ed ossa (tutto occhi ed orecchi visto che si parla di percezione in primis) oppure un bot che si comporta in tutto e per tutto come un non vedente (con particolari esigenze tecnologiche) allora le parole chiave !Abracadabra per lavorare bene sono sitemap e link ed il tutto, ovviamente, in ottica di !Architettura dell’informazione.

Ce lo ricordano gli specialisti di Yoast con un bell’articolo sulla struttura dei siti Web disegnando un’efficace gerarchia homepage-categorie-sottocategorie-post-tag-parole_chiave ed il tutto in sinergia con il menù di navigazione e la necessità di costruire una strategia di link interni e landing pages funzionali ad eventuali conversioni ed obiettivi da settare.

Lo conferma un altro articolo ancor più raffinato come capacità di analisi (ma anche di sperimentazione) di Search Engine Land che ci illustra i risultati di un esperimento di indicizzazione di Google Bot arrivando a delle conclusioni inaspettate come quella che i javascript-link servono a far indicizzare le pagine ad essi collegati ma senza valorizzarle a livello di rank per il relativo anchor text oppure che un testo nascosto tramite accorgimenti css (dichiarazioni di stile) di qualche tipo vengono comunque indicizzati. Confermata l’importanza dei link di primo livello non solo come repentino invito all’indicizzazione delle pagine di riferimento ma anche come valorizzazione del rank relativo all’anchor text del link e del testo contenuto sempre dalla pagina collegata.

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie designTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...