bollenti Algoritmi

Gli algoritmi cercano di accontentare le nostre esigenze ma senza quella complessa capacità di valutazione di pro e contro, conseguenze e stimoli indotti che potremmo definire “coscienza”.

Alcuni ricercatori di Harvard hanno pubblicato uno studio sul New York Times che ha dimostrato come gli algoritmi di You Tube suggeriscono a chi visiona filmati erotici di visionare filmati con donne decisamente più giovani, donne in pose provocanti che si vestono da bambine ed infine anche video di bambine mentre fanno ginnastica o in costume da bagno!?!

Certo, un algoritmo capisce razionalmente che un utente sta apprezzando un certo tipo di visione, razionalmente caratterizzata da una generosa esposizione di pelle scoperta, di poca prevalenza di abiti e pose di un certo tipo e quindi, razionalmente, agisce di conseguenza proponendo ciò che si aspetta possa gradire l’utente finale di You Tube.

Un utente umano avrebbe consigliato coscientemente un certo tipo di visioni? Probabilmente no non fosse altro che per contrastare l’adescamento di giovanissimi e bambine online da parte di attempati adulti che sta diventando un’emergenza sociale anche in Italia.

Allora c’è da riflettere sull’utilità di alcuni automatismi e soprattutto i geniali (?) inventori di algoritmi dovrebbero testare le proprie creature prima di renderle operative con conseguenze sociali che possono risultare significativamente deleterie.

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie AITag , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...