Figli di Bot

tabatha_le0eonaard lautasha_conraad galejandra_tuckeer svetaska lakisha_jcaaldweel ingrid_weeaaxveer questi alcuni nomi della quarantina di account che ho visto con i miei occhi catapultarsi dopo neanche dieci minuti a leggere uno scherzoso post in lingua italiana scritto su Instagram dove era stato taggato l’account ufficiale di Matteo Salvini.

Facce, corpi e pose molto avvenenti-appariscenti e quindi improbabili come la maggior parte dei loro nomi, ma proprio per la loro estetica – che in parte  richiama scenari russofili – non ho potuto fare a meno di ripensare ai sospetti incrociati di strane alleanze geopolitiche che stanno imbarazzando alcuni esponenti politici europei e così ipotizzare che se un account da comune mortale (non influencer) scrivendo un post con !sentiment apparentemente positivo (in realtà caustico-scherzoso ma fortunatamente gli algoritmi hanno i loro limiti interpretativi, per ora…) attira attenzioni e letture da numerosi profili sbucati letteralmente dal nulla allora è vero che qualcosa di strano si aggira per i social ed a fini strumental-politici.

Da lì il pensiero a passate riflessioni su come l’umanità sia diventata minoritaria nella Rete già dal 2016, ai falsi bot (profili) scatenati recentemente contro Hong Kong (anche questo nell’indifferenza generale), alle tante guerre e guerriglie che si stanno combattendo attualmente anche a colpi di hack, leaks, laser per ingannare riconoscimenti dei volti da parte di sistemi di intelligenza artificiale, e di nuovo con bot e dos, ai miliardi di account attivi (?) rivendicati dalla galassia Zuckerberg il passo è stato breve portando a riflessioni inquiete e paranoiche… per noi, piccoli grandi Figli di Bot abbacinati da questa bollente e bellicosa Estate 2019.

Published by:

ebisenzi

Sono felicemente approdato all'Accademia di Belle Arti di Roma come docente dopo aver 'militato' in accademie pubbliche e private (Carrara, Bologna, Pisa, Firenze, eccetera). Come libera professione ho dato supporto SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) fin dagli anni '90 a numerose agenzie digitali. Soprattutto sono stato fra i primi in Italia ad occuparmi di INCLUSIVE DESIGN avendo teorizzato per primo l'esigenza di uno strumento di helpdesk per l'accessibilità del digitale, ancor prima della normativa AGID (Agenzia per l'Italia Digitale) per conto di INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Ricerca Innovativa). Dietro le quinte, sempre per conto terzi, ho contribuito dal 1999 ad oggi al restyling di decine di progetti di comunicazione digitale di rilievo fra i quali il primo portale online distribuzione libri Zivago per Giangiacomo Feltrinelli Editore, l'Ospedale Fondazione Istituto San Raffaele di Cefalù, il sito Web di Olimpiadi Internazionali per NetPeople, il portale del turismo del Comune di Milano, il sito Web del Comune di Firenze (e di altri comuni del circondario fiorentino), il sito Web personale del musicista Stefano Bollani, nonché di numerose agenzie assicurative di rilievo nazionale. Sempre in tema Inclusive Design partecipo a progetti di ricerca e sviluppo anche in ambito europeo quali ad esempio il manuale di sviluppo per produzioni di animazione, video e live digitali XS2Animation.

Categorie AI,Comunicazione Digitale,media educationTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...