Adotta una parola da salvare!

Bellissima iniziativa di Zanichelli, che ha  avuto un successo di piazza notevole anche a Firenze, finalizzata a “salvare” un patrimonio lessicale destinato altrimenti a ridursi drammaticamente.

Firenze ha risposto in massa all’appello-tour di Zanichelli #paroledasalvare: tantissime persone in Piazza Santa Croce dove l’imponente e suggestiva installazione della nota casa editrice italiana ha convinto molti cittadini e turisti ad adottare qualcuno dei tremila lemmi italiani che rischiano di estinguersi. Come? Utilizzandole quanto più possibile sui social e proprio per chi, per motivi di disaffezione personale dei social ancora non ne vuol sentir parlare, spedendo apposite cartoline ad amici e parenti nella speranza di innescare un passa-parola virtuoso capace di salvare la grande varietà della lingua italiana.

Una specie di movimento culturale ondivago con il fine di abbindolare (in senso positivo) tanti comunicatori recalcitranti che rischiano di diventare rapidamente sciatti nel loro prossimo futuro… a meno che non si convincano a levitare il loro status a quello di narratori capaci di circuire i propri interlocutori con zampilli di parole decisamente più affascinanti del normale.

post scriptum
se vi è piaciuta questa ultima frase ebbene sappiate è ricca di lemmi in estinzione!

Published by:

ebisenzi

Sono felicemente approdato all'Accademia di Belle Arti di Roma come docente dopo aver 'militato' in accademie pubbliche e private (Carrara, Bologna, Pisa, Firenze, eccetera). Come libera professione ho dato supporto SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) fin dagli anni '90 a numerose agenzie digitali. Soprattutto sono stato fra i primi in Italia ad occuparmi di INCLUSIVE DESIGN avendo teorizzato per primo l'esigenza di uno strumento di helpdesk per l'accessibilità del digitale, ancor prima della normativa AGID (Agenzia per l'Italia Digitale) per conto di INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Ricerca Innovativa). Dietro le quinte, sempre per conto terzi, ho contribuito dal 1999 ad oggi al restyling di decine di progetti di comunicazione digitale di rilievo fra i quali il primo portale online distribuzione libri Zivago per Giangiacomo Feltrinelli Editore, l'Ospedale Fondazione Istituto San Raffaele di Cefalù, il sito Web di Olimpiadi Internazionali per NetPeople, il portale del turismo del Comune di Milano, il sito Web del Comune di Firenze (e di altri comuni del circondario fiorentino), il sito Web personale del musicista Stefano Bollani, nonché di numerose agenzie assicurative di rilievo nazionale. Sempre in tema Inclusive Design partecipo a progetti di ricerca e sviluppo anche in ambito europeo quali ad esempio il manuale di sviluppo per produzioni di animazione, video e live digitali XS2Animation.

Categorie media educationTag Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...