il Colore dell’Anno è…

PANTONE 19-4052 Classic Blue è il colore dell’anno 2020: semplice, rassicurante e sinonimo di connessione fra i diversi canali percettivi.

Partiamo dal capire che cosa è Pantone: una formidabile iniziativa imprenditoriale sul colore ma anche , più semplicemente, una ricetta per individuare univocamente una selezione cromatica… sì, una ricetta proprio come quella della vostra nonna per la vostra torta preferita, ecco quel che ci vuole per individuare in maniera assolutamente univoca un colore salvo poi utilizzare gli stessi strumenti pantone di selezione e conversione dei colori per adattarlo alla filiera comunicativa digitale.

Il colore pantone annunciato per il 2020 è già chiacchierato anche sui media italiani con grande clamore vista l’attenzione quasi parossistica con cui è attesa la selezione dell’anno Pantone.

Quest’anno non è solo interessante il colore scelto ma la modalità con cui è stato scelto e le modalità con cui si vuole presentare il colore dell’anno 2020: un Blu Classico che deve infondere “calma, fiducia e un senso di connessione”. Come non pensare alla modalità di connessione BlueTooth che a sua volta deve il suo nome al re Aroldo I “Dente Azzurro” Gormsson che si dipingeva di blu un dente per atterrire, digrignando i denti, i suoi nemici-ostacolo al disegno di UNIRE tutta la Danimarca) “attingendo alla vista, al suono, all’olfatto, al gusto e alla consistenza per rendere il Pantone Color of the Year for 2020 un’esperienza cromatica davvero coinvolgente per tutti”.

Dunque anche Pantone.com, come tutti gli specialisti della comunicazione moderna, si preoccupa di investire nelle potenzialità comunicative di uno specifico canale sensoriale-percettivo ma senza dimenticare tutti gli altri! Viene, spontaneamente, a mente la potenza creatrice delle !parole Abracadabra ma anche le difficoltà  che si possano avere in qualche lingua o dialetto a descrivere le esperienze olfattive così come le nuove potenzialità comunicative della Realtà Aumentata (provate a cercare “tigre” su Google e potrete letteralmente piazzarla nel vostro salotto di casa!?!) ed infine anche i misteri di un’opportunità sensoriale aumentata naturale che si dice caratterizzi un@ di noi su 23 e che corrisponde al fenomeno della !Sinestesia: ce lo spiega bene la giovane cantante Billie Eilish come un nome o una canzone venga interpretata percependo contemporaneamente un colore così come un numero può essere percepito sentendo un audio contemporaneamente e via dicendo.

Tornando ai colori la questione della percezione può essere sinonimo di assenza come il nero che tanto è più nero quanto più riesce ad assorbire e quindi a (non) respingere-ritrasmettere la luce e lo sanno bene al MIT sperimentando un tentativo di Nero Assoluto impilando nano-tubi di carbonio La questione può essere posta in termini social così come una ricerca condotta dal Pantone Color Institute sui quattro colori più coinvolgenti su Instagram ha dimostrando individuando  quattro specifici pantoni – “Rose Dawn (un rosa polveroso), Ethereal Blue (simile alla vista nei cieli aperti), Ocean Depths (una tonalità verde acqua che ricorda le profondità del mare) e Harvest Gold (giallo, con un accenno a sfumature autunnali, dalle spiagge sabbiose ai tramonti)” – come quelli capaci di indurre più interazioni sui post (mi piace compreso).

Se, infine, vogliamo complicarci l’incombenza interpretazione-dei-colori da un punto di vista non social ma di evoluzione percettiva-sociale e di discriminante di genere è interessantissimo apprendere come la dicotomia rosa-celeste rispetto a femmina/maschio è un’invenzione occidentale del ‘900 – in ambito cross-cultural il discorso si complica ulteriormente – dato che fino al Diciottesimo secolo “era perfettamente normale per un uomo indossare un abito di seta rosa con ricami floreali; i bambini e le bambine fino ai 6 anni, inoltre, erano vestiti e vestite con abiti lunghi di colore bianco senza sostanziali differenze tra maschi e femmine, se non qualche piccolo particolare come per esempio la posizione dei bottoni e la scelta del bianco era soprattutto di natura pratica: gli abiti bianchi e i pannolini bianchi di stoffa erano infatti più semplici da lavare e candeggiare”.

Published by:

ebisenzi

Da oltre venti anni mi occupo di studiare le problematiche di accessibilità, usabilità, reperibilità ed organizzazione dell'informazione digitale assistendo persone, enti pubblici e privati nella impostazione o restyling di interfacce e progetti di comunicazione digitale proponendo provocazioni culturali sul blog https://scaccoalweb.wordpress.com Un aspetto particolare della comunicazione digitale a cui credo molto è la capacità di riconoscere e raccontare la Natura che ci circonda e per quello mi diverto a curare ed aggiornare l'apposita guida BIOWATCHING TOSCANA

Categorie designTag , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...