le InfoGrafiche al tempo del Covid19

Cosa ci raccontano e cosa ci insegnano le info-grafiche al tempo del Coronavirus?

Le info-grafiche sono un fantastico mix di illustrazioni eventualmente abbinate a testo che riescono in poco spazio a svolgere un’efficace azione di !storytelling volta a comunicare od insegnare “qualcosa”.

Possono essere efficacemente utilizzate in maniera indipendentemente o  integrate in copertine, articoli ed altri manufatti editoriali.

Anche al tempo del Covid19 sono state efficacemente utilizzate a livello internazionale per spiegare alcuni concetti base su come rendere maggiormente efficace e sopportabile l’isolamento sociale che stiamo vivendo ed una significativa rassegna la possiamo trovare su shutterstock (giusto per fare un esempio).

Le info-grafiche hanno anche il pregio di raccontare in maniera visuale una serie di dati raccolti in quantità, nel caso si definiscono !Big Data, ed in questo caso si parla di !Data Journalism ovvero delle pratiche e strumenti a disposizione per convertire grandi moli di dati difficilmente comprensibili e leggibili in info-grafiche loro sì facilmente comprensibili e leggibili ed a volte nella forma di !mappe di calore ovvero di rilevamenti di insorgenze o di interesse rispetto a determinate aree specifiche.

Ma i dati, così come le info-grafiche, possono anche parlare tra di loro ed in tal senso cosa vi viene in mente interpretando la seguente mappa di calore?

punti di fuoco concentrati curiosamente nelle stesse zone in cui si è sviluppato il covid 19 ovvero cina ed italia

Se per caso vi è venuto a mente di trovarvi di fronte alle zone di prima espansione del Covid19 allora siete cadute/i in errore perché è una mappa di calore che rivela i punti maggiormente interessati dall’inquinamento atmosferico! Ed è proprio incrociando dati e visualizzandoli anche graficamente che stanno emergendo delle serie ipotesi per cui l’espansione del covid 19 può essere drasticamente agevolato dall’inquinamento atmosferico misurato anch’esso costantemente nel tempo e anch’esso rappresentato graficamente da numerose mappe sulla qualità dell’aria.

Published by:

ebisenzi

Da oltre venti anni mi occupo di studiare le problematiche di accessibilità, usabilità, reperibilità ed organizzazione dell'informazione digitale assistendo persone, enti pubblici e privati nella impostazione o restyling di interfacce e progetti di comunicazione digitale proponendo provocazioni culturali sul blog https://scaccoalweb.wordpress.com Un aspetto particolare della comunicazione digitale a cui credo molto è la capacità di riconoscere e raccontare la Natura che ci circonda e per quello mi diverto a curare ed aggiornare l'apposita guida BIOWATCHING TOSCANA

Categorie Comunicazione DigitaleLascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...