Agosto: tempo di leggere? Sì ma anche di ascoltare…

Agosto è leggere un libro sulla spiaggia oppure su un prato di montagna ma in un’estate con inedita assenza di ‘tormentoni’ (canzoni estive particolarmente popolari e quest’anno assenti vuoi per clima depresso covid-19 vuoi per frammentazione dell’attenzione su miriadi di proposte musicali a causa del declino di media mainstream) inventiamocelo noi un ‘tormentone audio’ imparando ad ascoltare e valorizzare il paesaggio sonoro circostante!

Ecologia Acustica

Il rumore di Marte oppure i misteriosi ronzii ascoltati in tutto il mondo sono degli esempi eclatanti di come la Natura ci parla, continuamente, ma è nella quotidianità che bisogna ri-acquistare una capacità di ascolto di ciò che ci avvolge come audio; una vera e propria disciplina che prende il nome di ecologia acustica: un esempio pratico ed interessante potrebbe essere quello di imparare a riconoscere gli uccelli che cantano nei nostri paraggi magari con inaspettati strumenti ed aiuti come BirdNET

Il fattore umano

L’inventiva umana gioca con la ‘fisica del suono’ fin dalla notte dei tempi e basti pensare ai minareti che vibrano all’unisono oppure alle caratteristiche di una lingua rumorosa per convincersene ma è, ovviamente, con l’avvento della comunicazione digitale che le opportunità di ‘vivere il suono’ diventano innumerevoli e sorprendenti: un esempio per tutti l’app che riproduce la percezione di un concerto così come percepita da ogni singolo musicista

sensi
“senses” by joaoloureiro is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Internet dei sensi

Dai !paesaggi sonori all’Internet dei Sensi il passo è breve coinvolgendo anche l’onirico senso dell’odorato per cui in un futuro – non si sa quanto prossimo – ci ritroveremo a ‘vivere’ l’infosfera digitale con tutti i nostri sensi!?! Il presente è per ora costituito da sperimentazioni avanzate sul fattore audio e che entrano prepotentemente nella nostra quotidianità sempre più spesso: basti pensare al fattore emozione presto applicato in assistenti vocali come Alexa il cui design diventa, immancabilmente, occasione di analisi e progettazione.

Post Scriptum: a proposito dell’importanza dell’audio ho aggiornato il progetto di ricerca https://archive.org/details/scoprivelletri2019 che ora offre un esempio di guida locale audio-attiva nei formati di audio-racconto, in modalità eBook tramite i canonici accorgimenti della CAA – Comunicazione Alternativa Aumentativa con la significativa aggiunta di file audio percepibile in sincrono con il testo evidenziato tramite il linguaggio SMIL – Synchronized Multimedia Integration Language ed infine una versione pdf con componente audio per coloro che trovano difficoltà a gestire il formato ePub3

Aggiornamento primo eReader a colori

Onyx Boox Poke2 Color è il primo eReader con E-Ink a colori: costo sotto i trecento euro  è basato su sistema Android quindi non ha difficoltà a gestire audiobook e file mp3 ma soprattutto è compatibile per i tre classici formati per eBook ovvero epub, mobi e pdf. Insospettisce il sold-out dichiarato sul sito web ufficiale non appena lanciato il prodotto online e non si sa se questo sia veramente il primo esempio di eReader per interagire con prodotti di lettura a colore – come non pensare ai fumetti fruibili online… – ma è comunque l’ennesima dimostrazione che le tecnologie tipo E-ink Kaleido stanno sempre più diffondendosi aprendo nuovi scenari digitali nella fruizione appunto di fumetti ed affini…

1-1_1

 

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie Comunicazione DigitaleTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...