Storia e futuro dei loghi

Semplicità od empatia? L’orientamento del design rispetto al design dei loghi non è unanime e sarà interessante vedere quale tendenza si imporrà nel futuro.

Il logo della Galleria degli Uffizi ha di recente vinto il Premio Compasso d’Oro e sicuramente la sua semplicità e conseguente efficacia comunicativa è stata convincente con la sua silhouette di G che al tempo stessa si trova in sinergia con la forma di una U.

E la storia del logo della nota casa automobilistica BMV conferma l’evoluzione del design di loghi verso scelte decisamente minimaliste, adottando uno stile piatto ma che comunque risente dei richiami antichi come quello del Rasoio di Occam per arrivare alla contemporanea filosofia del Material Design.

Ma sono gli irriverenti francesi a rompere gli schemi e riportare l’attenzione verso una scelta che richiama caratteri complessi a favore di una maggiore empatia (?) con l’anteprima del nuovo logo della Pegeout (di nuovo un marchio automobilistico) che sfida le esigenze di leggibilità in ambito mobile (responsive docet!).

La criniera del famoso leone della casa automobilistica francese irriterà chi dovrà interpretarlo sullo smartphone od in altri ambiti ridotti oppure convincerà proprio per la sua complessità grafica ed interpretativa?

Nel frattempo registriamo l’interessante operazione di rebranding di Burger King che si ispira nuovamente alla soluzione adottata negli anni ’60 (!?!) per semplificare il logo e così, paradossalmente, diventare più semplice, material, e ‘moderno’.

Per finire, interessante l’evoluzione del logo di General Motors che sembra alludere all’investimento del gruppo verso lo scenario delle auto elettriche riservando la consueta sottolineatura dei suoi glifi alla sola g (minuscola) strizzando l’occhio alla forma di una presa elettrica e quindi rimarcando l’evoluzione della propria identità in relazione alle nuove opportunità di mercato…

Published by:

ebisenzi

Da oltre venti anni mi occupo di studiare le problematiche di accessibilità, usabilità, reperibilità ed organizzazione dell'informazione digitale assistendo persone, enti pubblici e privati nella impostazione o restyling di interfacce e progetti di comunicazione digitale proponendo provocazioni culturali sul blog https://scaccoalweb.wordpress.com Un aspetto particolare della comunicazione digitale a cui credo molto è la capacità di riconoscere e raccontare la Natura che ci circonda e per quello mi diverto a curare ed aggiornare l'apposita guida BIOWATCHING TOSCANA

Categorie Comunicazione DigitaleLascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...