Estate tempo di leggere e raccontare: anche per migliorare la propria Comunicazione (Web)

Raccontare ed associare racconti a termini, nomi e concetti significa far memorizzare quest’ultimi più efficacemente e quindi, in definitiva, comunicare anche più efficacemente (ed anche sul Web ovviamente).

Un recente studio scientifico ha dimostrato che narrare, raccontare, fare storytelling – se preferite usare questo termine per apparire più cool in qualche brainstorming fra colleghi contribuisce a ricordare molto più facilmente qualsiasi nome di cose, concetti od altro che dovete ricordare.

Scordatevi la tecnica del palazzo della memoria, attribuita agli antichi greci e rispolverata dal personaggio Sherlock Holmes, consistente nel posizionare mentalmente nelle stanze della propria casa o di un luogo perfettamente conosciuto le entità da ricordare… ebbene sì avevano ragione gli aborigeni australiani con la loro Via dei Canti a tramandare la complessa geografia del loro territorio ai posteri cantando e quindi raccontando loro storie relative a percorsi e luoghi da ricordare anche nel caso in cui è l’immensità dell’Australia la dimensione mnemonica di riferimento.

Dunque, se proprio volete un consiglio di lettura estivo per migliorare la vostra capacità di comunicare con il digitale, allora leggetevi il romanzo Le vie dei canti di Bruce Chatwin (prima edizione originale 1987) perché leggere, la premessa indispensabile per raccontare, vi potrà sicuramente essere più utile di qualsiasi tip or trick dell’ennesimo linguaggio di editing, plugin o software del momento. Smettiamo di concentrarsi su particolari implementativi ininfluenti a livello di costruzione di layout e copywriting e torniamo all’essenza della comunicazione… le vostre attività di comunicare con il Web e con il digitale sicuramente ne trarranno grandi benefici.

Copertina dell’audio-book The Songlines immagine tutelata da Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 fonte di provenienza https://bookshop.org/books/the-songlines/9781978658684

Published by:

ebisenzi

Sono decenni che mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine. Enrico che se ti interessa un collaudo completo https://scaccoalweb.wordpress.com/collaudo-xs2web/ oppure anche solo un aspetto specifico di questo scenario in stile Inclusive Design... https://www.linkedin.com/in/enricobisenzi/

Categorie Comunicazione Digitale,media educationTag , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...