l’Arte come rappresentazione dell’Antropocene?

Le opere di Refik Anadol e Jan Voxel ci portano a riflettere sul ruolo dell’Arte oggi.

Portate pazienza… ma bisogna partire dall’inizio: cosa è Arte?

Wikipedia ci spiega che “L’arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che porta a forme di creatività e di espressione estetica, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate o acquisite e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza”. La Treccani ci dà qualche stimolo in più con la definizione “Nell’ambito delle cosiddette teorie del bello o dell’estetica, si tende a dare al termine arte un significato privilegiato, vario secondo le diverse epoche e i diversi orientamenti critici, per indicare un particolare prodotto culturale, comunemente classificato come pittura, scultura, architettura, musica, poesia, ecc. Nel linguaggio comune: opera d’arte; capolavoro d’arte; arte popolare; arte raffinata; avere sensibilità per l’arte; l’arte per l’arte, espressione che risale a V. Cousin (1818), adottata, soprattutto dai poeti della scuola parnassiana in Francia, per designare il principio che l’arte non deve avere altri fini che sé stessa, al di fuori di ogni preoccupazione di carattere morale o utilitaristico.”

Mi piacerebbe molto sapere dai miei studenti cosa è per loro arte.

Personalmente ho condiviso fin dagli anni ’90 l’approccio di Tommaso Tozzi di considerare l’artista come il soggetto che s’impegna a “fornire gli strumenti della comunicazione, mettere in connessione, fare network” in maniera socialmente utile, concetti poi articolati in diversi scritti di Tatiana Bazzichelli.

E la Fisica cosa c’entra?

Per sintetizzare riprendiamo sempre una definizione ‘wiki’ “La fisica (termine che deriva dal latino physica, “natura” a sua volta derivante dal greco τὰ (tà) φυσικά (physiká), “(le) cose naturali”, nato da φύσις (phýsis), entrambi derivati dall’origine comune indoeuropea) è la scienza della natura nel senso più ampio.”

Ora se l’Arte ha bisogno di ritrovare un ruolo all’interno della nostra società e non possiamo permetterci il lusso di un’arte rinchiusa in sé stessa ed avulsa dalla realtà allora la poetica di di Refik Anadol così come quella del collettivo Jan Voxel tornano utili nello sperimentare una nuova branca dell’arte che utilizzi i nuovi metodi scientifici per rappresentare i dati, i Big Data – che poi non sono altro che un’interpretazione delle nostre connessioni ambientali e sociali – in output multimediali molto suggestivi.

AI data representation

L’intelligenza artificiale come pennello, è stato detto rispetto alle sue opere, ed anche quando il risultato è un elaborato non interattivo e l’utente finale risulta un attore passivo, ritorna prepotente anche in questa offerta artistica il tema di interpretare la realtà e quindi la Natura attraverso i nuovi media ed approfittando di ciò che la Fisica ci mette oggi a disposizione per studiare e contemplare le importanti connessioni che sono alla base della Natura stessa (ed anche alla base della Natura umana).

Rappresentare l’Antropocene

Ancora più interessante la proposta di Jan Voxel con The Critters Room bellissimo progetto artistico che incrociandosi con pratiche scientifiche mira a rappresentare l’emergenza dell’antropocene ed in particolare il problema dell’inquinamento atmosferico.

“L’installazione presenta al pubblico un corpus di oltre 400 vetrini da microscopio disposti su un tavolo: un vero e proprio archivio dell’aria che respiriamo. Con pratica performativa, lə artistə di Jan Voxel hanno esposto all’aria i vetrini per oltre un anno, raccogliendo tutta la vita invisibile che aleggia nell’aria. Critters-ora-viventi (pollini, insetti, silicati, microplastiche) accanto a critters-allora-viventi (residui non combusti di idrocarburo) in un cortocircuito temporale di tempi umani e tempi geologici.”

Una mostra itinerante di rilevamenti degli inquinanti in ambito urbano opportunamente corredata di dati ma anche rappresentazioni grafiche nonché parole (glossario artistico-scientifico) così come suoni perché bisogna ricordare e collocare empaticamente i rilievi degli inquinanti rispetto al nostro vissuto quotidiano. Una joint-venture di due artiste e un fisico che cercano così di dare un senso sia all’arte che alle scienze ambientali e ad alla loro immaginifica interazione.

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie designTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...