Siamo pronti per la Creatività Artificiale?

google arts che offre numerosissime collezioni d'arte digitale

Possiamo definire Creatività Artificiale quei prodotti di creatività che vengono realizzati grazie all’Intelligenza Artificiale peraltro frutto, a sua volta, della creatività umana.

Grazie ad algoritmi, machine lerning ed intelligenza artificiale alcuni umani, a metà strada identificabili fra matematici e creativi, riescono a realizzare delle meraviglie che sono al tempo stesso minaccia ed opportunità ed il Bestiario dell’Intelligenza Artificiale rende davvero bene l’idea delle emozioni che possiamo provare di fronte a queste nuove creature generate dalle macchine.

Google Arts & Culture – che si è ispirato evidentemente ad Europeana (portale europeo che raccoglie beni culturali ed artistici ammirabili e rappresentabili digitalmente) – offre una serie di esperienze veramente affascinanti per il cultore dell’arte online: semplici giochi per bambini come la possibilità di colorare opera d’arte, possibilità di ricerca di opere d’arte per autore-anno-colore-eccetera, audio-descrizioni, visioni ad alta definizione a 360 gradi e in 3D, e buon’ultima la possibilità di realizzare un Manga!?!

Supportata dalla potenza di calcolo di Google riesce ad addentrarsi anche in interessanti esperimenti di !Creatività Artificiale come nel caso dell’incredibile procedimento per colorare artificialmente i Quadri di Facoltà di Gustav Klimt grazie all’aiuto di esperti umani ma anche dell’intelligenza artificiale (simile per certi versi ad altri esperimenti di colorazione tramite AI).

Altro esperimento in tema di creatività artificiale quello compiuto da un gruppo di musicologi, compositori ed esperti di intelligenza artificiale per completare in maniera artificiale la Decima Sinfonia di Beethoven.

Poteva stare ferma a girarsi i pollici META? No davvero ed ecco allora una procedura in pochi passi per animare il disegno del vostro pargolo!?!

analisi di un disegno infantile per realizzarne una versione animata

Alcuni quesiti da porsi sulla Creatività Artificiale

  • Siamo in grado di distinguere la creatività naturale da quella artificiale?
  • Come possiamo imparare a distinguere la creatività naturale da quella artificiale?
  • Si può parlare di disinformazione e fake in caso di creatività artificiale che tende a completare opere d’arte generate dalla creatività umana naturale?
  • La creazione di algoritmi ed intelligenze artificiali creative deve essere considerata essa stessa una nuova forma di creatività e sottoposta a diritto d’autore?
  • Questa nuova forma di creatività artificiale è opportuno che sia supportata da protocolli ad hoc e/o svilupparsi secondo diverse scuole di stile e pensiero?

A voi le ardue risposte o magari l’occasione per porre un’ennesima domanda in merito…

Intanto che ci riflettete provate a dare un’occhiata a simplified: vera e propria marketing machine che grazie all’intelligenza artificiale permette di velocizzare il copywriting di testi così come la realizzazione di grafiche di vario tipo e particolarmente adatte per la comunicazione social

Siete rimasti senza parole? E allora provate anche https://narrative-device.herokuapp.com … io l’ho fatto utilizzando i termini accessibility/autism e vedete un po’ cosa ha generato…

“The accessibility of public transportation is a major issue for people with autism. Many people with autism have difficulty understanding verbal instructions and can have a difficult time following directions. This can make it difficult for them to use public transportation. There are also few autistic-friendly public transportation options.”

A proposito… se volete illuminarvi sulle sensibilità delle persone autistiche allora chiaritevi qualche idea ascoltando il racconto della ballerina e coreografa autistica non binary, Federica Giusto in arte Red Fryk Hey “autistica senza disabilità cognitiva e compromissioni”… perché quello di cui bisogna sempre tenere conto non è solo cosa artisticamente produciamo ma per chi… e nello scenario della disabilità si trovano come dire… esigenze fantastiche!

Published by:

ebisenzi

Sono felicemente approdato all'Accademia di Belle Arti di Roma come docente dopo aver 'militato' in accademie pubbliche e private (Carrara, Bologna, Pisa, Firenze, eccetera). Come libera professione ho dato supporto SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) fin dagli anni '90 a numerose agenzie digitali. Soprattutto sono stato fra i primi in Italia ad occuparmi di INCLUSIVE DESIGN avendo teorizzato per primo l'esigenza di uno strumento di helpdesk per l'accessibilità del digitale, ancor prima della normativa AGID (Agenzia per l'Italia Digitale) per conto di INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Ricerca Innovativa). Dietro le quinte, sempre per conto terzi, ho contribuito dal 1999 ad oggi al restyling di decine di progetti di comunicazione digitale di rilievo fra i quali il primo portale online distribuzione libri Zivago per Giangiacomo Feltrinelli Editore, l'Ospedale Fondazione Istituto San Raffaele di Cefalù, il sito Web di Olimpiadi Internazionali per NetPeople, il portale del turismo del Comune di Milano, il sito Web del Comune di Firenze (e di altri comuni del circondario fiorentino), il sito Web personale del musicista Stefano Bollani, nonché di numerose agenzie assicurative di rilievo nazionale. Sempre in tema Inclusive Design partecipo a progetti di ricerca e sviluppo anche in ambito europeo quali ad esempio il manuale di sviluppo per produzioni di animazione, video e live digitali XS2Animation.

Categorie AI,Comunicazione Digitale,design,media educationTag , , , , , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...