La ricetta comunicativa delle nuove generazioni

Qual è l’approccio comunicativo dei giovani emergenti nello scenario digitale?

Col-l-et-t-ti-vo perché così si pronuncia il nome di una una type-foundry open source based in Europe” può essere un buon esempio di qual è la ricetta comunicativa dei  giovani professionisti del digitale.

L’intervista a questo interessante gruppo di graphic designer milanesi che si sta cimentando nell’avventura di realizzare una piattaforma di distribuzione tipografica digitale, italiana, gratuita e open-source è un opportuno preludio ad illustrare alcuni elementi caratterizzanti la loro moodboard:

  • tecnologia ed approccio open-source;
  • web minimalista ma presente;
  • gmail;
  • instagram.

Dunque il sito Web è importante perché permette di comunicare la propria poetica ma lo si fa, apparentemente, senza cms ed elementi precotti puntando all’essenzialità quasi fossero severi discepoli del less is more o del rasoio di Occam che dir si voglia! Poche parole, in lingua inglese perché siamo Europei, mettendo (letteralmente) in evidenza i propri font liberamente scaricabili ed installabili (quindi rigorosamente OpenType Font) ma con un’interfaccia che, pur essendo minimalista, consente – con un’intrigante logica di vedo-non-vedo – di comunicare le più recenti iniziative (Bologna ma anche Nuova Zelanda) ed interviste realizzate.

Dal sito Web le modalità di contatto sono due: una di posta elettronica – Gmail – e l’altra social – Instagram –  perché è importante non disdegnare un vecchio attrezzo comunicativo come l’e-mail che rimane la maniera più seria (su logica oramai cloud) di interloquire con possibili nuovi contatti di lavoro ed al tempo stesso approfittare del  più virale visual storytelling attualmente esistente.

 

 

Published by:

ebisenzi

Docente dell'Accademia di Belle Arti di Roma da decenni mi occupo di accessibilità ed usabilità del digitale contribuendo al restyling di Comuni, Musei, Ospedali, Comitati Olimpici ed anche molte aziende private sensibili all'argomento INCLUSIVE DESIGN: garantendo il corretto accesso e fruizione anche al 15% delle persone diversamente abili quali epilettici, non vedenti, ipovedenti e daltonici, dislessici e disprassici, sordi, disabili cognitivi ed autistici; impostando una corretta reperibilità e rappresentazione sui motori di ricerca; controllando una corretta ed efficace condivisione sui social network: trasmettendo dei corretti valori semantici relativamente al diverso bagaglio linguistico e culturale del proprio target di riferimento; predisponendo un appropriato livello di leggibilità dei testi e contenuti prodotti rispetto al proprio target di riferimento; verificando la legittimità dei contenuti ospitati mettendosi al riparo di eventuali copyright strike; verificando una corretta rappresentazione dei propri contenuti digitali su device diversi; predisponendo e mettendo in sicurezza i propri contenuti per una conservazione a lungo termine.

Categorie Comunicazione Digitale,designTag , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...