Linee guida sull’Inclusive Design per disabili cognitivi

Le persone con disabilità cognitive sono la maggior parte delle persone interessate da un’ipotetica azione di Inclusive Design… per cominciare ci sono molte persone disabili che possono essere definite come sofferenti di dislessia, disprassia, eccetera oppure di altre sindromi e deficit cognitivi come afferenti a vari livelli di autismo (oppure affette de deficit sensoriali che incidono su quello cognitivo come la sordità) dopodiché, in ottica di Inclusive Design alias !Universal Design, sono tantissime le persone che si possono trovare anche solo temporaneamente in una condizione di disabilità cognitiva come ad esempio appartenere ad una fascia d’età come quella dell’infanzia o della vecchiaia (e faccio modestamente notare soprattutto a coloro che si sentono giovani ad età improbabili come la prima fase d’invecchiamento comincia a 34 anni!) oppure che sono in una situazione di distrazione con minor capacità di corretta percezione ed interpretazione dei linguaggi comunicativi (persone in buona compagnia oppure che si trovano in un ambiente anche geografico dove si usano codici diversi da quelli abituali).

Malgrado tutto ciò se si parla di accessibilità (Web) il pensiero ricorre automaticamente alle persone non vedenti (che fortunatamente sono numericamente poco significative) e con difficoltà si estende alle persone sorde e magari ipovedenti e daltoniche che sono sicuramente inferiori rispetto ai disabili cognitivi (numericamente parlando).

Eppure non è facile trovare delle buone linee guida in tema: ci viene in aiuto una delle tante aziende anglosassoni impegnate nel settore dell’accessibilità ovvero Ab11y che peraltro ribadisce nel suo payoff che “Accessibility it’s about people, not just guidelines”! I loro principi sull’esperienza utente che includono l’accessibilità cognitiva sono linee guida lucide ed interessanti ed anche sintetiche pur rimandando a preziosissimi link di approfondimento raccomandando di:

  • cercare soluzioni standard…
  • utilizzare significanti ben riconoscibili…
  • inseguire la semplicità…
  • adottare comunicazioni all’insegna della chiarezza…
  • offrire informazioni in modalità differenti ma ridondanti ove necessario…
  • adottare pattern riconoscibili…
  • offrire all’utente finale la possibilità di riconoscere piuttosto che ricordare…
  • differenziare gli stimoli comunicativi ed informativi…
  • tenere aperto un canale comunicativo con l’utenza finale ed infine…
  • lasciare all’utenza finale quante più possibilità di controllo possibile.
il manuale dell'inclusive design di Microsoft rappresenta benissimo iconicamente le tante persone interessate dalle linee guida dell'accessibilità universale comprendendo anche persone in carrozzella, distratte, con un bimbo in braccia o comunque temporaneamente per così dire disabili

Published by:

ebisenzi

Sono felicemente approdato all'Accademia di Belle Arti di Roma come docente dopo aver 'militato' in accademie pubbliche e private (Carrara, Bologna, Pisa, Firenze, eccetera). Come libera professione ho dato supporto SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) fin dagli anni '90 a numerose agenzie digitali. Soprattutto sono stato fra i primi in Italia ad occuparmi di INCLUSIVE DESIGN avendo teorizzato per primo l'esigenza di uno strumento di helpdesk per l'accessibilità del digitale, ancor prima della normativa AGID (Agenzia per l'Italia Digitale) per conto di INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Ricerca Innovativa). Dietro le quinte, sempre per conto terzi, ho contribuito dal 1999 ad oggi al restyling di decine di progetti di comunicazione digitale di rilievo fra i quali il primo portale online distribuzione libri Zivago per Giangiacomo Feltrinelli Editore, l'Ospedale Fondazione Istituto San Raffaele di Cefalù, il sito Web di Olimpiadi Internazionali per NetPeople, il portale del turismo del Comune di Milano, il sito Web del Comune di Firenze (e di altri comuni del circondario fiorentino), il sito Web personale del musicista Stefano Bollani, nonché di numerose agenzie assicurative di rilievo nazionale. Sempre in tema Inclusive Design partecipo a progetti di ricerca e sviluppo anche in ambito europeo quali ad esempio il manuale di sviluppo per produzioni di animazione, video e live digitali XS2Animation.

Categorie accessibilità,designTag , , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...